Astrologia e Scienza

Arte e scienza
– C. Flammarion – Astronomia (1888) –

Qualche tempo fa ho scritto un saggio in cui sostenevo che l’astrologia non è una scienza per come oggi intendiamo il termine. Sono ancora d’accordo con ciò che ho scritto in quel saggio – ma vorrei ora enfatizzare una parte particolare di quell’affermazione – l’astrologia non è una scienza per come oggi intendiamo la parolascienza”.

Perché l’Astrologia sia vista come una scienza, dobbiamo ripensare ciò che intendiamo con questo termine e ciò che ci racconta sul mondo e sulla realtà. La maggior parte delle persone non sa che il significato della parola “scienza” è cambiato drasticamente negli ultimi duecento anni. Questo è ciò su cui ora voglio riflettere.

Rifletterci implica tornare alla storia della nostra lingua e recuperare parte del significato del termine “scienza” che è andato perduto nel secolo scorso.

Voglio fornire qui un esempio di un testo più datato in cui l’uso della parola “scienza” è ovviamente diverso da come usiamo attualmente il termine. La seguente citazione è del platonico britannico Thomas Taylor, che scriveva circa 300 anni fa. Si riferisce a un passaggio nel dialogo Parmenide di Platone in cui la successione dei pensieri logici utilizza una serie di negazioni per provare ciò che un essere assoluto, o Dio, non può essere – Dio né esiste né non esiste. L’intero schema logico è astratto e non fa riferimento ad alcun dato empirico. Nella metafisica del tardo platonismo, questo schema logico viene interpretato in riferimento ad una concezione dell’Uno e del Bene, il più alto principio delle cose, che per definizione è al di là di tutto ciò che possiamo concepire o affermare su di esso, incluso il fatto che abbia un “essere”. Segue una citazione di Taylor la cui parte in grassetto è da me enfatizzata:

E qui si deve osservare che questa conclusione, che rispetta il più alto principio delle cose, che è perfettamente ineffabile e inconcepibile, è il risultato di una serie assolutamente scientifica… Poiché ciò che distingue in modo così coerente la filosofia di Platone da quella degli altri è questo, che ogni sua parte è marchiata con il carattere della scienza.

Oltre ad essere stato il primo a tradurre in inglese tutti i dialoghi platonici, Taylor ha anche tradotto alcune opere del filosofo platonico Proclo, che Taylor considerava essere scientifiche proprio in questo senso. Gli Elementi di Teologia di Proclo sono modellati sugli elementi di Euclide, come anche un altro libro di Proclo che è un commento teologico e filosofico su Euclide. È presentato come un argomento logico e scientifico, inizia con una serie di assiomi logici e costruisce una struttura concettuale sistematica fondata sui principi primi; la struttura filosofica e teologica viene costruita come una struttura logica e scientifica. L’imponente opera di Proclo sulla Teologia platonica, che espone i livelli della grande catena dell’essere con descrizioni degli dei di ciascun livello, è similmente presentata come argomento attentamente ragionato e che Proclo considerava scientifico – ma in quell’opera, Proclo include discussioni su varie gerarchie degli dei. Per Proclo, parlare degli dei è una forma di scienza. Chiaramente, sia Proclo che Thomas Taylor avevano una concezione della scienza molto diversa da quella attuale che è basata unicamente sull’osservazione empirica e sull’esperimento. Se Taylor ha usato il termine “scienza” in tal modo, quel significato deve far parte della storia della lingua inglese.

Fortunatamente c’è un modo per recuperare parte di quella storia. Un ottimo punto da cui partire sono i dizionari. Possiamo esaminare come siano cambiati i dizionari più recenti confrontando le definizioni delle loro parole con quelle dei dizionari antecedenti.

Il Dizionario americano della lingua inglese del 1828 di Noah Webster è uno dei più importanti e influenti dizionari di lingua inglese mai compilati, ed è un capolavoro di definizione, etimologia, storia della lingua e utilizzo.

Il dizionario Webster ha subito numerosi cambiamenti nel corso degli anni e l’ultima edizione che preserva gran parte del significato e dell’uso del linguaggio precedente è l’edizione del 1913. Quasi tutti i dizionari successivi hanno abbandonato gran parte dell’uso precedente.

Entrambi i dizionari Webster del 1828 e 1913, sono disponibili online. È disponibile anche la versione stampata di un’edizione in facsimile del Webster del 1828, ed è un lavoro meraviglioso e affascinante. Sfogliare il dizionario del 1828 e poi confrontarlo con un dizionario moderno è un po’ come passare da un ristorante gourmet a 5 stelle a un drive-in del McDonald’s. È una metafora ragionevole – il linguaggio nel vecchio dizionario è molto più vario, speziato e saporito mentre quello nel nuovo dizionario è insapore e ridotto al minimo.

Quando il nostro linguaggio viene spogliato, il nostro pensiero viene ridotto e la nostra esperienza subisce un impoverimento. Nel mondo moderno, viviamo in una realtà da fast-food.

Come con la citazione di Thomas Taylor di cui sopra, questi vecchi dizionari indicano un mondo e un concetto di scienza molto diversi. Ed è ciò che esamineremo.

Le seguenti citazioni sono tratte dal Webster’s Revised Unabridged Dictionary (1913) (sto prendendo un estratto dalla definizione completa del termine, che è piuttosto lunga. Le citazioni dal dizionario sono in corsivo, in grassetto le parti chiave da me enfatizzate e i miei commenti sono in carattere normale).

1. Conoscenza; conoscenza dei principi e delle cause; verità accertata dei fatti.

Ci sono altre due parole importanti qui, “principio” e “causa”, entrambe sono cambiate e i loro significati si sono ristretti col tempo. Innanzitutto, la parola principio significa “inizio”, punto di partenza, base da cui segue tutto il resto. Conoscere il principio di qualcosa è conoscerne la fonte. Anche la parola causa è cambiata molto e si è ridotta nel significato nel corso degli anni – nel senso scientifico moderno del termine, “causa” è sempre un qualcosa di fisico che può essere misurato.

Nella filosofia tradizionale, Aristotele espose 4 tipi diversi di cause. La scienza moderna ha mantenuto solo la causa efficiente, ovvero la catena di eventi fisica di causa ed effetto. La “causa” nel senso tradizionale ha qui le connotazioni della causa formale di Aristotele – ciò che dà la forma – e la causa finale – il suo fine o scopo. La scienza moderna non ha spazio per fini o significati, e senza quella dimensione l’Astrologia non ha senso.

Se concepiamo il fatto che la visione o la scienza di Dio, prima della creazione, debba estendersi a tutte le parti del mondo, vedendo ogni cosa così com’è. . . la sua scienza o visione di tutta l’eternità non impone alcuna necessità a qualcosa affinché accada”. Hammond

Il solo fatto di usare i termini “Dio” e “scienza” nella stessa frase ci dice che qui stiamo vivendo in un mondo diverso. Basta collegare questo concetto alla definizione stessa di “principio” per capire che il termine “scienza” viene usato in senso spirituale, indicando la realtà ultima prima del fisico da cui emerge tutto il resto.

La scienza profonda ed esatta di Shakespeare nella filosofia mentale”. Coleridge

2. Conoscenza accumulata e consolidata, che è stata sistematizzata e formulata con riferimento alla scoperta di verità generali o all’applicazione di leggi generali; conoscenza classificata e resa disponibile nel lavoro, nella vita o nella ricerca della verità; conoscenza completa, profonda o filosofica.

La scienza è un complemento di cognizioni, avendo, in termini di forma, il carattere della perfezione logica e, punto in questione, il carattere della verità vera“. Sir W. Hamilton

E ora abbiamo la definizione numero tre.

3. Soprattutto, tale conoscenza quando si riferisce al mondo fisico e ai suoi fenomeni, la natura, la costituzione e le forze della materia, le qualità e le funzioni dei tessuti viventi, ecc.; – chiamato anche {scienze naturali} e {scienze fisiche}.

Questa terza definizione è davvero l’unica rimasta nel dizionario moderno. Nell’uso corrente “scienza” inizia e finisce con “fenomeni fisici misurabili”. Può essere misurata in laboratorio, può essere calcolata, può essere esattamente replicata in circostanze controllate e non ha alcuna dimensione di significato, consapevolezza, coscienza o valore.

Più avanti nel testo, c’è questo paragrafo che parla delle diverse dimensioni della scienza.

Nota: la scienza è applicata o pura. La scienza applicata è una conoscenza di fatti, eventi o fenomeni spiegati, giustificati o prodotti per mezzo di poteri, cause o leggi. La scienza pura è la conoscenza di questi poteri, cause o leggi, considerati separati o puri rispetto a tutte le sue applicazioni. Entrambi questi termini hanno un significato simile e speciale quando applicati alla scienza della quantità; come la matematica applicata e pura. La scienza esatta è una conoscenza così sistematizzata che la previsione e la verifica mediante misure, esperimenti, osservazioni, ecc., sono possibili. Le scienze matematiche e fisiche sono chiamate scienze esatte.

Da quanto ho capito, abbiamo perso metà del significato nel mondo moderno: “scienza” e “scienza applicata” sono ora sinonimi a tutti gli effetti. Ciò che Webster chiama “scienza pura” è stato abbandonato dal nostro uso corrente.

Nel paragrafo che segue, si parla di un uso distintivo del termine “scienza” che è quasi invertito rispetto al modo in cui attualmente usiamo il termine.

Uso: {Scienza}, {Letteratura}, {Arte}. La scienza è letteralmente conoscenza, ma più spesso denota una disposizione sistematica e ordinata della conoscenza. In un senso più specifico, la scienza abbraccia quei rami della conoscenza di cui l’argomento è sui principi ultimi o sui fatti così come spiegati da principi o leggi, e quindi disposti secondo l’ordine naturale.

Il termine “letteratura” a volte denota tutte le composizioni non abbracciate dalla scienza, ma di solito confinate alle belle lettere. [vd. {Letteratura}.] L’arte è ciò che dipende dalla pratica e dall’abilità nelle prestazioni. “Nella scienza, scimus ut sciamus; nell’arte, scimus ut producamus.

E quindi si può dire che la scienza e l’arte siano investigazioni della verità; ma una, la scienza, pone domande per il bene della conoscenza; l’altra, l’arte, per amore della produzione; e quindi la scienza è più interessata alle verità superiori, l’arte a quelle inferiori; e la scienza non è mai impegnata, come l’arte, in un’applicazione produttiva.

E lo stato di scienza più perfetto, quindi, sarà l’indagine più alta e accurata; la perfezione dell’arte sarà il sistema di regole più adatto ed efficiente; l’arte si getta sempre nella forma delle regole”. Karslake

In questo paragrafo, i significati di “scienza” e “arte” sono quasi invertiti rispetto al loro uso corrente. La “scienza dei principi ultimi” è sparita. L’altra, la scienza per “il bene della produzione” è davvero tutto ciò che oggi sia rimasto. L’intero concetto di scienza come “più interessata alle verità superiori” è praticamente impensabile.

Non esistono verità superiori nella scienza moderna – in quanto non esiste un mondo superiore al nostro mondo materiale dei fenomeni per sostenere una tale scienza. Senza quel mondo superiore, l’Astrologia è una superstizione senza senso.

Qui non si tratta solo di una variazione nel linguaggio, ma di un impoverimento della nostra esperienza perché abbiamo perduto il significato di alcuni concetti usati per descriverla.

                                                                          ***

Penso che sia molto importante diventare consapevoli di quanto sia impoverito gran parte del nostro uso moderno del linguaggio e di come limiti le possibilità del pensiero. Con la riduzione moderna del significato del termine, la “divina scienza” dell’Astrologia si trasforma in una strana superstizione irrazionale che ha le connotazioni di parole come “soprannaturale” e “psichico”. L’Astrologia si trova al di fuori delle moderne regole scientifiche che definiscono la realtà.

Ho visto degli astrologi moderni molto capaci cadere in questa trappola linguistica. Nella loro ansia di difendere l’astrologia in quanto “scienza” nel senso moderno e riduzionistico del termine, si affrettano a sottolineare quanto sia importante distinguere l’astrologia dalla “semplice” chiromanzia o dalle arti psichiche.

Poiché non sappiamo quanto sia cambiato il significato del termine “scienza”, penso che oggi la stiamo usando in un senso troppo ristretto, e stiamo quindi sottovalutando o perdendo la capacità di vedere quanto la pratica dell’Astrologia abbia una vera affinità con le arti psichiche come la lettura dei tarocchi.

La verità è che leggo i tarocchi e le Sibille Lenormand io stesso, e non posso tracciare una linea netta e rigorosa tra ciò che faccio con le carte e ciò che faccio con l’Astrologia.

In un senso più ampio, la pratica dell’Astrologia non può esistere in un vuoto linguistico e filosofico, senza un sistema di pensiero che la supporti. Abbiamo bisogno di un modo di pensare all’Astrologia che ne riveli il senso più ampio e che le conferisca un fondamento filosofico coerente. Questo è lo scopo del presente articolo ed è il tema principale della serie di articoli che sto attualmente scrivendo.

                                                                           ***

Ora,  ribadisco che sono d’accordo sul fatto che l’Astrologia sia una scienza, ma sto usando il significato del termine molto più vicino a quello di Thomas Taylor e della tradizione platonica, dove indica i principi spirituali, l’ordine e la struttura che sono alla base e che sostengono la nostra esistenza nello spazio e nel tempo. L’Astrologia come scienza può effettivamente avere una dimensione fisica, ma innanzitutto ha una base spirituale e filosofica.

Non sottovaluto il lavoro degli astrologi come David Cochrane che giustifica l’Astrologia mediante soluzioni empiriche e statistiche, ma non penso che possiamo limitare l’Astrologia a quel dominio. L’Astrologia è troppo grande e sfaccettata per essere contenuta entro i limiti del moderno concetto di scienza.

Se vogliamo essere degli astrologi efficaci e argomentare bene il nostro caso, dobbiamo pensare chiaramente, dobbiamo essere chiari sul significato delle parole che usiamo – e quando usiamo parole come “scienza” al di fuori delle solite connotazioni attribuite al termine nel discorso comune, dobbiamo essere molto chiari ed espliciti al riguardo.

Non stiamo solo recuperando l’Astrologia, stiamo recuperando una visione del mondo più ricca e un contesto entro il quale l’Astrologia abbia un senso – oltre a recuperare un contesto del “divino” di cui le nostre menti e la nostra realtà hanno tanto bisogno.

Fonte: Astrology and Science, di Charles Obert
Traduzione: Alessandra Ricci